presidio della Polizia di Stato in Questura

Vogliamo riprendere la protesta della polizia di stato per fare riflettere gli appartenenti alla Polizia Penitenziaria che osservano silenti e si fidano di quanti hanno mandato in giro comunicati di vittoria e di conquiste, se pensate che la PS, la quale ha ottenuto sicuramente più della polpen, si ritiene fortemenete insoddisfatta  e venerdì 3 marzo  sarà la giornata di mobilitazione dei poliziotti, che svolgeranno un presidio con volantinaggio davanti alle Questure di tutta italia.

nei giorni scorsi, è stato emanato un decreto assolutamente irricevibile che ci penalizza ancora di più. i poliziotti chiedono che in questa occasione i soldi già stanziati siano spesi meglio. Con una Polizia sempre più «anziana», con una età media di 47 anni, un agente deve avere la possibilità di progredire in carriera, non rimanere bloccato a vita come avviene adesso perché non si fanno più concorsi interni. I titoli, i meriti e le professionalità di chi fa il poliziotto da una vita devono essere valorizzati, non depauperati. L’intero sistema della sicurezza pubblica deve funzionare in maniera più efficiente e, per farlo, il personale in divisa va fatto crescere professionalmente e culturalmente, non costretto a ’morire’ nel proprio ruolo e nelle qualifiche attuali».