NAPOLI POGGIOREALE: AGGRESSIONE AD POLIZIOTTO PENITENZIARIO DURANTE LA VISITA DEL PRESIDENTE DELLA CAMERA ROBERTO FICO

Mentre era in corso la visita all’Istituto penitenziario di Napoli Poggiorele, del Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico, un detenuto ristretto al primo piano dell’istituto di pena, aggrediva con schiaffi e pugni l’Agente di servizio nella sezione pretendendo di cambiare cella. Il poliziotto penitenziario è dovuto ricorrere
alle cure della locale infermeria e si è in attesa di conoscerne la prognosi.

A dare la notizia è il Segretario Generale dell’O.S.A.P.P. (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) Leo Beneduci che aggiunge: “Nell’inferno del carcere di Napoli Poggioreale siamo alle solite anche in termini di arroganza e di assoluta certezza della sostanziale immunità delle proprie azioni da parte della locale popolazione detenuta che, si rammenta, in gran numero composta da affiliati o comunque da soggetti vicina alla criminalità organizzata.

Quello che peraltro preoccupa ulteriormente – indica ancora il leader dell’O.S.A.P.P. – è il fatto che, dalle voci che pervengono, essendo in visita al carcere la terza Autorità dello Stato ciò non avrebbe fatto prestare la dovuta attenzione allo specifico episodio da parte dei vertici della struttura né si sarebbe badato troppo
alle condizioni psico-fisiche del poliziotto penitenziario aggredito.

Auspichiamo invece – conclude Beneduci – che proprio durante la visita il Presidente della Camera dei Deputati si renda conto ben al di là della facciata e delle eventuali moine che gli vengono presentate, delle reali condizioni del carcere di Napoli Poggioreale nello specifico e dell’attuale sistema penitenziario in generale nonché del penoso stato di abbandono in cui operano gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria, tanto da indurlo ad intervenire con la necessaria autorità sul Guardasigilli e collega di partito Alfonso Bonafede per accelerare quel processo di cambiamento di cui ancora non vi è traccia.”