Criticità presso la nuova Casa Circondariale di Barcellona P.G.

Domenica mattina un detenuto del Ghana, giunto la sera prima, ha dato fuoco alla stanza ove vi erano ristretti altri detenuti e ha cominciato a distruggerla.

A darne notizia è il Segretario Generale Aggiunto dell’Osapp – Domenico Nicotra – che precisa come le intenzioni del ristretto erano quelle di voler aggredire il personale. Solo il pronto intervento di alcune unità che lo hanno bloccato e spostato in stanza singola ha permesso di riportare l’ordine nell’Istituto.

Tuttavia, prosegue Nicotra, la resistenza attiva posta in essere dell’aggressore nel tentativo di accompagnarlo nella nuova camera detentiva ad un Ispettore di Polizia Penitenziaria è stata procurata una ferita alla mano. Per lo stesso Ispettore si è reso necessario l’invio immediato al pronto soccorso dell’Ospedale di Barcellona P.G. e successivamente il ricovero presso l’Ospedale Policlinico di Messina dove verrà sottoposto ad intervento chirurgico.
È evidente, conclude il sindacalista dell’Osapp, che la conversione dell’Ex OPG di Barcellona P.G. in Casa Circondariale con sezioni dedicate a detenuti con problemi di natura psichiatrica ha causato un prevedibile e smisurato aumento dei cari di lavoro e dei rischi connessi per i quali, tuttavia, non sono stati assunti i necessari provvedimenti per l’incremento di organico di Polizia Penitenziaria. È indispensabile che il DAP trasferisca urgentemente personale dalla graduatorie nazionali vigenti.