CONCORSO INTERNO PER 80 POSTI DI VICE COMMISSARIO DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA

Con missiva del Segretario Generale Leo Beneduci, indirizzata al Capo del DAP, per conoscenza al Ministro della Giustizia e al Sottosegretario alla Giustizia, ha sollecitato l’avvio del corso, ancora ad oggi da istituirsi, delle 80 unità vincitrici di concorso interno per  la  qualifica di Vice Commissario.

Per quanto è dato di conoscere del tutto informalmente solo da pochi giorni, rispetto alle oltre 850 istanze prodotte dal Personale interessato, sarebbe stata designata la commissione incaricata di predisporre la relativa graduatoria, ma tale commissione non avrebbe ancora iniziato ad operare.

Presso le altre Forze di Polizia analoghe procedure concorsuali  con numeri di posti di gran lunga superiori a quelli della Polizia Penitenziaria, sono  stati  da tempo  banditi e sono  in fase pressochè  conclusiva, a differenza di quanto accade nell’Amministrazione Penitenziaria che  continua a  connotarsi  per lungaggini  burocratiche e per il mancato coordinamento delle proprie articolazioni, oltre che per una sostanziale noncuranza degli interessi di carriera degli appartenenti alla Polizia Penitenziaria che pure costituiscono oltre l’85% del personale penitenziario.

Si resta in attesa, quindi, del necessario e sollecito riscontro e nell’auspicio di ottenere finalmente un qualche riscontro, attesa la perdurante assenza di tali accortezze e del conseguente rispetto delle modalità di relazione tra le Parti negli attuali vertici del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria