Comunicato Stampa:rinvenuti altri 4 coltelli nel carcere romano di Rebibbia

“Questo pomeriggio, intorno alle ore 18,00, presso il carcere romano, definito colabrodo, di Rebibbia dopo che l’impianto antiscavalcamento aveva suonato, tra la settima e l’ottava garitta delle sentinelle, sotto il muro di cinta, sono stati rinvenuti 4 coltelli abilmente nascosti anche questa volta in prossimità del compattatore.
A dare la notizia è l’OSAPP (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) per voce del segretario Generale Leo Beneduci.
“Il rinvenimento odierno – prosegue il leader dell’OSAPP – costituisce l’ulteriore prova provata delle reali condizioni di un Istituto Penitenziario erroneamente ritenuto il migliore d’Italia ed in cui a parte la gravissima carenza di personale pari ad almeno 300 unità di Polizia Penitenziaria in meno rispetto alle 600 in servizio, sono da troppo tempo i detenuti a farla da padroni in virtù delle disposizioni impartite dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.
Rispetto alle condizioni attuali della struttura dove il personale di Polizia Penitenziaria è da alcuni giorni in protesta ad oltranza contro la pessima gestione da parte degli organi Ministeriali – conclude Beneduci – occorre dire che il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria che nessun miglioramento ha fino ad oggi attuato tranne provvedere ad allontanare dalla sede gli Agenti in servizio la notte dell’evasione dei tre detenuti Albanesi a dimostrazione in questo caso che per migliorare condizioni allo stato disastrose dovrebbe essere lo stesso Capo dell’Amministrazione Santi Consolo per il palese fallimento a rassegnare le proprie dimissioni.