CARCERI/OSAPP: EQUIPAGGIO DI POLIZIA PENITENZIARIA DORME NEL FURGONE CON DETENUTO PERCHE’ NON ACCOLTI DALLA REMS – 

In data 18 settembre internato estradato dalla Germania é stato tradotto da NTP Roma Rebibbia NC ad una REMS di Cosenza come disposto dal DAP. La REMS già aveva informato che nn aveva disponibilità ma la traduzione é stata fatta partire lo stesso. Ieri sera la traduzione é arrivata alla REMS che non ha preso in carico l’internato e il Nucleo Traduzioni e Piantonamento del provveditorato di CZ a firma del Provveditore Cinzia Calandrino non ha trovato soluzioni ne ha preso in carico l’internato. Il personale ntp traducente é ancora bloccato a Catanzaro e questa notte hanno dormito col detenuto in furgone nella porta carraia del provveditorato di CZ. A darne notizia Leo Beneduci segretario generale del sindacato OSAPP. il fatto appena accaduto aggiunge il sindacalista – è l’ennesima dimostrazione di due fallimenti, il primo riguardante la storia delle REMS che avrebbero dovuto sostituire gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari  mentre nella realtà attesa la limitatezza dei posti i ricoveri o gli alloggiamenti presso queste REMS avvengono con estrema lentezza ed è la Polizia Penitenziaria a doversi fare carico, o piantonando i soggetti presso i nosocomi ovvero accompagnando i soggetti presso apposite sezioni nel frattempo istituite. l’altro fallimento invece riguarda la disorganizzazione estrema gravissima anche dispendiosa da parte degli organi dell’amministrazione penitenziaria. A farne le spese di tutto questo, conclude Beneduci, è come sempre la PolPen un corpo di polizia dello stato a tutti gli effetti, completamente abbandonato a se stesso gestito dalla dirigenza amministrativa e non di polizia del tutto inadatta e assolutamente non considerata né dall’autorità politica, in questo caso il ministro Orlando, né dall’autorità amministrativa, in questo caso i vertici dell’Amministrazione Penitenziaria con a capo Santi Consolo.