Carceri: Osapp denuncia, agenti con divise vecchie e usurate

(ANSA) – ROMA, 8 MAG – Vestiario vecchio che non viene “rinnovato”, “completa assenza” di determinate dotazioni, “fornitura di tute di servizio ed uniformi esclusivamente estive benché da utilizzare nel periodo invernale”. Sono alcuni dei problemi denunciati dal sindacato di polizia penitenziaria Osapp, il cui segretario, Leo Beneduci, ha scritto all’Amministrazione penitenziaria chiedendo un confronto e interventi per risolvere i problemi, annunciando iniziative di proteste in caso di mancata risposta.
Secondo l’Osapp, che parla di “insostenibili ed inaccettabili carenze nelle forniture di vestiario” per il personale che opera nelle carceri, “persino gli allievi agenti presso le scuole di formazione sono costretti a presenziare ai quotidiani alzabandiera o ad effettuare addestramento formale in assenza di uniformi regolamentari”. Inoltre, spesso il personale “è costretto ad acquistare presso esercizi commerciali esterni modelli analoghi a quelli d’ordinanza” quando non si passa al “rammendo” di pantaloni e giacche. Una situazione “assolutamente inaccettabile” che il sindacato attribuisce a “problemi di negligenza, di disorganizzazione o di palese omissione”. (ANSA).