BASENTINI: TANTO RIGORE PER I POLIZIOTTI E TANTO SILENZIO PER I DETENUTI

Il Capo del DAP Francesco Basentini ha sfornato tante proposte, prevalentemente di rigore, per il Corpo della Polizia Penitenziaria e zero proposte per il regolamento interno alle carceri.

Sono passati molti mesi ormai dall’insediamento di questo Governo e del Capo del DAP  e siamo ancora in attesa di conoscere la “ricetta Basentini” in merito alla nuova impostazione delle carceri “modello”, o comunque di un nuovo modello, considerato il fallimento di questi ultimi.

A nostro parere volutamente indicati come carceri modello, probabilmente per sfornare DIRIGENTI MODELLO, che oggi, dopo i fatti accaduti a Padova e in ultimo a Bollate con certezza possiamo dire ampiamente fallito.

Quindi di conseguenza anche la classe dirigente ha finito il suo corso, ma questo forse lo ha già percepito.

Fallita anche l’ultima nata “la vigilanza dinamica”, eppure né il Ministro né l’attuale Capo DAP hanno avanzato nuove proposte in merito.

Ci sembra che navighino a vista, non conoscono le iniziative da intraprendere e se anche le conoscessero non sono ancora note alle organizzazioni del personale.

Tra gli addetti ai lavori aleggia il dubbio che cambiano I SUONATORI MA LA MUSICA E’ SEMPRE LA STESSA.

E SE ASPETTASSERO L’APPROVAZIONE DEL GARANTE DEI DETENUTI?